Home / SEO / Fattori SEO on page: Come posizionare il tuo sito sui motori di ricerca
Fattori SEO on page
Fattori SEO on page

Fattori SEO on page: Come posizionare il tuo sito sui motori di ricerca

I fattori SEO on page, sono “delle regole” fondamentali che ti permettono di migliorare il posizionamento del tuo sito web all’interno dei motori di ricerca.

Vedi anche: Creare un sito web: 8 consigli per evitare di fare errori

Ma prima di tutto, che cos’è la SEO?

Vedi anche: SEO: Migliora la visibilità del tuo sito web

La SEO, è un insieme di strategie e di tecniche che ti permettono di ottimizzare e migliorare il posizionamento organico del tuo sito web.
Solitamente, la SEO, si suddivide in due parti, la SEO on page e la SEO off page. Quali sono le differenze?
La SEO on page, viene praticata all’interno della pagina web. Si tratta di ottimizzare il codice, le immagini, i link e tutto quello che può permettere al motore di ricerca di comprendere meglio il contenuto della pagina.
La SEO off page, invece, è tutto quell’insieme di tattiche e strategie che vengono effettuate al di fuori del sito web.

I fattori SEO, pare che siano più di 200 ed ovviamente non si conoscono tutti.
In questo articolo, vediamo quali sono i fattori SEO on page principali e più conosciuti.

I fattori SEO on page

1)  Tag Title

Il tag title è il titolo della tua pagina ed è uno dei fattori SEO on page più importanti per il posizionamento delle tue pagine web.
Puoi vedere il titolo della pagina sulla parte alta della tua scheda o finestra del browser. Andando sopra, con il puntatore del mouse, potrai vedere il nome per intero.
Un altro modo per vedere il titolo della tua pagina, è quello di cliccare ad esempio su Chrome con il tasto destro in mezzo ad una pagina web e selezionare “Visualizza sorgente pagina”.
Dentro questo codice, sulla parte alta, troverai un tag <title></title> e dentro questo tag ci sarà il nome della tua pagina.
Dovrai inserire un titolo corretto e inerente al contenuto della pagina. Inoltre, si consiglia sempre di tenere la parola chiave principale, con cui ci si vuole posizionare all’interno del motore di ricerca, all’inizio del titolo.

2) Meta Description

La meta description, è la descrizione della tua pagina web. E’ visibile sul motore di ricerca nella pagina dei risultati ed è posizionata sotto al titolo della pagina e del link.
Per visualizzare la meta description di una pagina, clicca su Chrome con il tasto destro su “Visualizza sorgente” e cercare il tag “meta name=”description“.
La descrizione della pagina web, a dire il vero,  non incide molto sul posizionamento SEO, ma è comunque sempre consigliato inserire la parola chiave principale e fare una descrizione che invogli l’utente a cliccare su quel risultato.

3) Lunghezza del contenuto

La lunghezza del contenuto testuale, in una pagina web, è spesso oggetto di molte discussioni. C’è chi dice che conta il valore del contenuto e chi invece afferma che la lunghezza del testo sia un fattore rilevante al fine di un buon posizionamento SEO. Possiamo dire che entrambe le cose hanno importanza. Quindi, la soluzione ideale, sarebbe quella di creare contenuti di valore ma con un buon numero di parole. Da alcuni dati statistici, il posizionamento migliore di alcune pagine web è stato raggiunto con contenuti di circa 2500 parole.

4) Velocità di caricamento della pagina

I motori di ricerca, ormai, prendono in seria considerazione la velocità di caricamento di una pagina. Per i fattori SEO on page, o in questo caso on site, la velocità è un altro dei fattori più importanti al giorno d’oggi.
Come risolvere? Come prima cosa bisogna evitare di caricare immagini troppo pesanti, bisogna mantenere un codice della pagina pulito ed evitare script che possano bloccare o rallentare il caricamento della pagina. Ricordiamo che, la velocità della pagina, dipende anche molto dalla scelta dell’hosting acquistato. Si consiglia quindi di non cercare di risparmiare il più possibile per l’acquisto dell’hosting, ma di scegliere una buona soluzione che non vi farà pentire della scelta. Un’altra soluzione, può essere quella di affidarsi ad un CDN (Content Delivery Network) come ad esempio Cloudflare.

5) Tag h1 h2 h3…

I tag “h” sono dei tag HTML che vanno inseriti all’interno della pagina web. Il tag h1, solitamente è il titolo principale del contenuto, che non per forza deve essere uguale a quello della pagina.
Il tag h1, all’interno della pagina, deve essere solo uno e deve contenere la parola chiave principale. L’inserimento va effettuato all’interno dei tag <h1></h1>.
I tag h2, vengono invece usati solitamente per suddividere i vari paragrafi del testo. In questa pagina, ad esempio, il tag h2 è “I fattori SEO on page“. I tag h2 possono quindi essere anche più di uno. I tag h3 vengono invece usati per suddividere i paragrafi del testo in sottoparagrafi. In questo testo, i miei tag h3 sono i punti dei vari fattori SEO. Esistono anche i tag h4, h5 e h6, ma vengono utilizzati ben poco.

6) Contenuti Rich Media

Inserire dei contenuti rich media all’interno di una pagina, significa aggiungere contenuti utili ed importanti per l’utente nel formato immagine o video. Specialmente i video, offrono un’esperienza utente diversa dal solito e permettono inoltre di aumentare il tempo di permanenza sulla pagina, altro fattore SEO importante.

7) Link parlanti

Un altro dei fattori SEO on page molto importante è la struttura dei link del tuo sito.
Un link, deve essere chiaro, bisogna capire subito dove porta e che cosa contiene. Immagina di avere un link del tipo: www.tuosito.it/post.php?id=34&post=true.
Che cosa si capisce in questo link? Assolutamente nulla.
E se invece il link fosse: www.tuosito.it/fattori-seo-on-page? Cambia vero? In questo secondo caso, si capisce subito a cosa corrisponde quella pagina.
Questi link, vengono chiamati in gergo “link parlanti”, ovvero link che anche senza cliccarci sopra già ti fanno capire qual’è il contenuto della pagina.
E come lo riesci a capire meglio tu, allo stesso modo lo capirà meglio anche il motore di ricerca.

8) Ottimizzazione delle immagini

Altro fattore importante, è l’ottimizzazione delle immagini delle pagine web. Cosa vuol dire ottimizzare?
Prima di tutto, come già detto in precedenza, bisogna ridurre al minimo il peso delle immagini per evitare di appesantire troppo le pagine.
Dopo aver fatto questo, bisogna tenere in considerazione l’attributo ALT delle immagini.
L’attributo ALT, indica il testo alternativo della foto. Serve per far capire, ad utenti e motore di ricerca, a cosa si riferisce quella immagine.
Hai presente quando ricevi una mail ma non visualizzi l’immagine perchè è bloccata dal tuo client di posta? Al posto dell’immagine vedi un scritta.
Quello è il testo alternativo. E’ quindi importante inserire sempre il campo ALT scrivendo al suo interno la parola chiave principale della pagina.
Oltre all’attributo ALT, esistono altri tre attributi per l’immagine: Titolo, descrizione e didascalia. Anche qui, il consiglio è di inserire la vostra parola chiave.

9) LSI keywords, Sinonimi e Termini Correlati

In una pagina web, non sono importanti solo le keyword principali. Con il passare del tempo, i motori di ricerca si sono evoluti e pretendono sempre di più. Ed è per questo che ora è necessario inserire anche termini correlati e sinonimi per riuscire a far capire meglio al motore di ricerca il contenuto della pagina. Studiando ed analizzando le parole semantiche relative alle keyword principali, si ha la possibilità di comunicare meglio al motore di ricerca l’argomento trattato, in modo che questo possa così visualizzare il tuo risultato all’interno di una ricerca.

10) Ottimizzazione mobile

Ormai il traffico sul web arriva sempre di più dal mobile. Con il passare del tempo, avere un sito facilmente accessibile e navigabile da mobile diventa sempre più importante.
E questo Google lo prende seriamente in considerazione. Un esempio è quello del “Mobile First”, ovvero il fatto di prendere in considerazione la versione mobile come versione principale.

Vedi anche: Mobile First: Nuovo cambio di algoritmo per Google.

Quindi, se non hai ancora un sito responsive (che si adatta al mobile) o se non hai una versione mobile del tuo sito, è ora di correre ai ripari.
Potrebbe sicuramente esserti utile.

11) Link interni

I motori di ricerca, danno molta importanza anche ai link interni, ovvero ai link presenti sulla tua pagina che portano ad altre pagine sempre presenti all’interno del tuo sito.
Il web è fatto di link. Quindi è giusto che abbiano la loro importanza e che rientrino nei fattori SEO on page. A cosa servono i link interni?
I link interni, possono aiutare i motori di ricerca a scansionare più semplicemente tutte le tue pagine web. Inoltre, permettono agli utenti una migliore fruizione del tuo sito.
Ti consiglio di usare specifici “Anchor Text” sui link interni. Sai cosa sono?
Sono semplicemente  le parole utilizzate per creare il link che porterà su un’altra pagina. Il consiglio, è quello di usare parole chiave specifiche e non il classico “Visualizza” e “Clicca qui”.
I motori di ricerca non possono capire dove porteranno quei link. Quindi aiutali a capire cosa stai linkando.

12) Link esterni

I link esterni, al contrario di quelli interni, sono link che, invece di portare l’utente su altre pagine del tuo sito, vengono portati su siti esterni.
Questa tecnica, è molto importante sia per te che per la fonte linkata. Non è necessario inserirne troppi, ne basta anche uno. Inserisci un link solo se la fonte è realmente utile per l’utente.
Ma attenzione, assicurati di non linkare siti spam o siti comunque non affidabili, altrimenti potresti ottenere l’effetto contrario.

Fattori SEO on page: Conclusione

Abbiamo visto solo alcuni dei tantissimi fattori SEO on page e on site.
Molti sono ancora sconosciuti ma, seguendo questi punti descritti sopra, sicuramente potrai dare una spinta in più al tuo sito.
Però ricordati sempre una cosa: Potrai ottimizzare tutto quello che vuoi ma, senza un contenuto unico e di valore, non andrai da nessuna parte.
Scrivi per i tuoi clienti/utenti, fornisci contenuti utili che possano soddisfare le esigenze e i bisogni di chi ti segue.
Solo così potrai realmente tentare una scalata sui motori di ricerca.

Per qualsiasi altra informazione puoi lasciarmi un commento qui sotto o scrivermi sulla Pagina Facebook.

Riepilogo
Fattori SEO on page: Come farsi trovare sui motori di ricerca
Articolo
Fattori SEO on page: Come farsi trovare sui motori di ricerca
Descrizione
La SEO non è semplice, molte cose sono ancora oggi sconosciute. Ma ci sono alcuni fattori seo on page che possono migliorare il tuo posizionamento online.
Autore
Editore
Bjorn Cavallotti Blog
Logo Editore

Info Bjorn Cavallotti

Sono Bjorn Cavallotti e abito a Biella. Lavoro per un'agenzia di comunicazione e mi occupo di Web Marketing. Appassionato da sempre di grafica, web e tecnologia. Cerco di aiutare privati e PMI a migliorare la loro visibilità sul web fornendo consigli sulla base di costanti studi ed approfondimenti.

Controlla anche

Snippet di 320 caratteri

Snippet di 320 caratteri: Google ha aumentato la descrizione dei risultati

Novità in casa Google: Snippet di 320 caratteri. Da un po’ di giorni, si può …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *