Home / Informazione / Creare un sito web: 8 consigli per evitare di fare errori
Creare un sito web
Creare un sito web

Creare un sito web: 8 consigli per evitare di fare errori

Lavori online e vorresti creare un sito web per la tua azienda/attività?
Bene, in questo articolo vediamo alcuni consigli per la creazione di un sito web e per la sua gestione.

Che cos’è un sito web?

Partiamo proprio dalle basi, perchè credo che molti ancora oggi non sappiano di preciso che cos’è un sito web.
Il sito web, dovrebbe essere il tuo principale strumento di lavoro online. Grazie al sito, è possibile acquisire nuovi clienti, nuovi contatti e vendere. Tutto dipende dai tuoi obiettivi.
Non confondiamo un sito web con una pagina o un profilo Social.
I Social Network, sono molto utili per il tuo business, ma anche loro sono degli strumenti che devono essere utilizzati all’interno di una strategia ben studiata e ben specifica per portare poi le persone all’interno del tuo sito web. Una volta che le persone arriveranno sul tuo sito, potranno navigare, informarsi e fare determinate azioni che tu stesso decidi.
Il tuo sito è la tua casa! Li le regole le decidi tu.
Ora che abbiamo capito qual’è l’importanza di creare un sito web, vediamo insieme alcuni consigli per evitare errori.

1 – Evita i servizi gratuiti

Come primo punto non avrei potuto scegliere altro.
Di cosa sto parlando?
Beh, hai presente quelle piattaforme che ti promettono di fare miracoli offrendoti in modo gratuito (solo all’inizio) la creazione del tuo sito in pochi minuti?
Ecco, non voglio fare nomi ma fidati, evitali.
Vuoi sapere perchè? Te lo spiego subito.
Queste piattaforme, ti promettono il super sito funzionale nel giro di 3-5 minuti (assolutamente falso), senza però considerare le necessità e le esigenze delle persone.
Troverai dei pacchetti già pronti, pensando che siano adatti a tutti, ma non è così. Avrai una marea di limitazioni sia a livello grafico che tecnico, non potrai gestire al meglio la parte SEO del sito ed avrai in più un nome dominio che non sarà per nulla professionale.
Se vuoi giocare va bene, ma se invece vuoi fare sul serio passa oltre.

Vedi anche: SEO: Migliora la visibilità del tuo sito web

2 – Scegli il giusto dominio

Il dominio del tuo sito web è molto importante, è il nome con cui le persone potranno raggiungerti. Cos’è il dominio? Non è altro che l’indirizzo che viene digitato sulla barra del tuo browser, ad esempio www.ilmiosito.it.
Il nome del tuo dominio, deve essere:

  • Semplice
  • Pertinente
  • Facile da ricordare
  • Facile da scrivere

Non usare termini troppo complicati ed evita parole che non siano pertinenti con la tua attività. Con questo non vuol dire che non si possano usare nomi un po’ fantasiosi o particolari (vedi ad esempio giallozafferano.it o zalando.it ), ma cerca sempre di non esagerare. Le persone dovranno capire subito il nome del tuo sito quando glie lo dirai
o quando lo dovranno scrivere.

3 – Crea il tuo sito su un hosting valido

Dopo aver deciso quale sarà il nome del dominio del tuo sito web, arriva il momento di passare all’acquisto sia del dominio che dell’hosting.
Che cos’è l’hosting?
E’ lo spazio web che ti viene fornito da vari provider per poter creare il tuo sito e caricare tutti i tuoi contenuti.
Esistono molti provider che ti permettono di acquistare un tuo spazio web.
L’hosting può essere condiviso oppure dedicato. Vediamo le differenze:

Hosting condiviso

L’hosting condiviso è semplicemente uno spazio all’interno di una macchina (server) condiviso con altri siti. Questo vuol dire che un server/macchina può ospitare ad esempio dieci siti al suo interno compreso il tuo.
PRO: ha un costo decisamente inferiore rispetto a quelli dedicati.
CONTRO: condividendo l’hosting con altri siti, si corre il rischio a volte di non avere prestazioni ottimali, in più, se un sito ospitato sullo stesso server, dovesse avere dei problemi, potrebbe dare qualche fastidio anche al tuo.
Comunque, per un sito senza grandi pretese, normalmente la scelta è questa.

Hosting dedicato

A differenza dell’hosting condiviso, l’hosting dedicato è un server dove viene caricato solo ed esclusivamente il tuo sito. Avrai delle prestazioni sicuramente migliori e delle funzionalità aggiuntive che non sempre però possono essere indispensabili per il tuo progetto.
PRO: velocità, affidabilità, funzionalità maggiori
CONTRO: prezzi decisamente alti

In tutti questi anni, ho utilizzato e provato moltissimi servizi di hosting.
Alcuni ad un prezzo molto contenuto ma con alcuni problemi di prestazioni, altri decisamente più costosi ma con prestazioni molto elevate.
Attualmente, questo sito è ospitato su Siteground con il pacchetto più economico. Più economico vuol dire che per il primo anno costa circa 60€ e, dal secondo anno, si passa a 160€. Un pochino troppo.

Se si vuole risparmiare, è possibile acquistare un servizio hosting e dominio di Aruba al costo di circa €40 l’anno. Il prezzo è molto buono, ma le prestazioni non sono ottimali.

Io dico sempre che va bene risparmiare, ma non sull’hosting.
La scelta di un buon hosting incide molto su diversi aspetti del tuo sito, come ad esempio la velocità, le funzioni e la sicurezza.
Senza un buon hosting il progetto parte male.

Quale scegliere

Il mio consiglio è quello di trovare un buon hosting ad un prezzo che può essere una via di mezzo tra il più economico ed il più caro.
Sto mettendo in piedi nuovi progetti personali e la scelta è ricaduta su Serverplan. Questo hosting, italiano, fornisce ottime prestazioni ad un costo contenuto. Si parla di 45€ l’anno per un piano Starter fino a circa 250€ l’anno per un piano Enterprise (iva e dominio inclusi). Io consiglio una via di mezzo, in questo caso lo Startup al costo di 69€ + iva.
Ottime prestazioni e spazio web a sufficienza per creare il tuo progetto.
Come tipologia di hosting, tra Linux e Windows, consiglio sempre Linux.

Accedi qui a Serverplan per acquistare il tuo piano di Hosting

Serverplan

4 – Scegli il CMS più adatto

Ora che hai il tuo dominio ed il tuo spazio web, è il momento di decidere in che modo vorrai creare il tuo sito web.
Al giorno d’oggi, esistono diversi CMS che ti permettono di velocizzare ed ottimizzare il lavoro. I CMS (Content Management System), sono delle piattaforme da installare sul tuo hosting che ti permettono di creare il tuo sito web senza essere necessariamente un esperto programmatore.
Per l’installazione del CMS, molti hosting come ad esempio Serverplan, ti permettono di installarlo dal pannello di controllo con un semplice click.
In pochi minuti avrai così il tuo CMS installato e pronto per essere utilizzato. Di CMS ne esistono molti, WordPress, Joomla, Drupal, PrestaShop, Magento. Il più famoso ed il più utilizzato è sicuramente WordPress.
WordPress ti permette di creare siti di qualsiasi tipo in modo abbastanza semplice. Nel caso ci fosse bisogno però di creare un e-commerce di una certa importanza, consiglio di dare un’occhiata anche a PrestaShop e Magento, un po’ più complessi ma nati per creare siti e-commerce.

5 – Scegli un buon template

Mettiamo caso che tu abbia installato il CMS più utilizzato da tutti, ovvero WordPress. Dopo l’installazione, ti ritroverai con il tuo sito con un template di default. I template, per chi non lo sapesse, sono le “vesti grafiche” che si possono installare sul tuo sito WordPress. E’ possibile trovare diversi temi gratuiti nella sezione del pannello di controllo “Aspetto – Temi”.
Se si necessita di template con funzioni più avanzate, allora bisogna andare alla ricerca di template “Premium” a pagamento.
Il miglior sito dove poter trovare questi template è Themeforest.
I prezzi variano dai 20$ fino a 70-80$.

Una volta scelto il template, è il momento di personalizzare il tuo sito e creare i tuoi primi contenuti.
Inizialmente, può non sembrare semplice, ma seguendo alcune guide presenti online ed il sito ufficiale di WordPress tutto risulterà un po’ più semplice.

6 – Crea il tuo sito seguendo le linee guida SEO

Come hai visto, creare un sito web può essere meno impegnativo di quello che sembra. Bisogna però tenere in considerazione un fattore molto importante:
Se nessuno trova il tuo sito, il tuo lavoro sarà stato inutile.

Il tuo sito, dovrà essere presente sui motori di ricerca quando le persone cercheranno i tuoi prodotti o servizi. Ma come fare?
Qui arriva in gioco la SEO, ovvero l’ottimizzazione sui motori di ricerca.
Devi fare in modo che il tuo sito possa comunicare bene con i motori di ricerca, seguendo alcune regole che puoi trovare all’interno di questo mio articolo:

Fattori SEO on page: Come farsi trovare sui motori di ricerca

L’ottimizzazione sui motori di ricerca è forse la cosa più importante da gestire in un sito web. Quindi fai molta attenzione.

7 – Aggiorna il sito costantemente

Creare un sito web, non vuol dire iniziare un lavoro, completarlo e poi lasciarlo li. Assolutamente.
Se intendi seriamente creare un sito web, la fine della progettazione è solo l’inizio della tua avventura. Il sito deve essere costantemente aggiornato, più contenuti freschi ci saranno e più Google ti prenderà in simpatia. Una buona soluzione, può essere quella di implementare una sezione News/Blog da affiancare alle pagine del sito che magari saranno più statiche e meno aggiornate.

Con il tuo Blog, puoi coinvolgere i tuoi clienti, aggiornarli quotidianamente sulle tue offerte, promozioni ed eventi e molto altro.
Pensa seriamente di creare una sezione Blog, potrebbe esserti molto utile.

8 – Monitora il traffico del sito

Google Analytics

Vorresti sapere da dove arrivano i tuoi utenti? Che cosa fanno? Che cosa apprezzano? Ma certo che si, e tutto questo lo puoi fare con Google Analytics. Ricordati di installare sempre questo strumento nei tuoi siti internet. E’ gratuito e ti offre una marea di informazioni.
Puoi ad esempio sapere con quali dispositivi entrano nel tuo sito, puoi conoscere età e sesso, puoi vedere quali pagine visitano più spesso e molto altro.

Facebook Pixel

Il Facebook Pixel, è uno strumento che ti permette di tracciare le persone che arrivano sul tuo sito per poi andare ad intercettarle su Facebook tramite campagne sponsorizzate. Un ottimo strumento specialmente se ti occupi di vendita online.
Per maggiori informazioni su questo strumento leggi:

Facebook Pixel: Cos’è e come funziona

Remarketing Google Ads

Un altro strumento molto utile, per monitorare il tuo sito web, è il remarketing di Google Ads. Aggiungendo questa funzione, potrai fare esattamente la stessa cosa che puoi fare con il Facebook Pixel ma, a differenza del Pixel, potrai intercettare i tuoi visitatori sul motore di ricerca Google e sui suoi siti partner dove sono presenti i banner di Google Adsense.

Pronto per creare un sito web?

Questi sono solo alcuni consigli per creare un sito web evitando i principali errori che molti fanno, ovvero scegliere l’hosting meno costoso, comprare un dominio con un nome troppo complicato da ricordare, non ottimizzare il sito per farsi trovare sui motori di ricerca etc.

Tutto questo non sarà un lavoro da 10 minuti. Ci vuole pazienza e tempo da dedicare. Ma iniziando a seguire questi semplici suggerimenti potrai partire di sicuro con il piede giusto.

Per qualsiasi altra informazione puoi lasciarmi un commento qui sotto oppure contattarmi sulla mia Pagina Facebook.

Alla prossima!

Riepilogo
Creare un sito web: 8 consigli per evitare di fare errori
Articolo
Creare un sito web: 8 consigli per evitare di fare errori
Descrizione
Vorresti sapere come creare un sito web? Vediamo insieme quali sono le scelte giuste da fare per poter realizzare un sito che funzioni come si deve.
Autore
Editore
Bjorn Cavallotti Blog
Logo Editore

Info Bjorn Cavallotti

Sono Bjorn Cavallotti e abito a Biella. Lavoro per un'agenzia di comunicazione e mi occupo di Web Marketing. Appassionato da sempre di grafica, web e tecnologia. Cerco di aiutare privati e PMI a migliorare la loro visibilità sul web fornendo consigli sulla base di costanti studi ed approfondimenti.

Controlla anche

Pagina Facebook o Sito Web

Pagina Facebook o sito web? La scelta è solo tua

Una delle domande che spesso le persone si pongono, quando vogliono essere presenti sul web, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *